top of page

Riduzione del Colesterolo: il potenziale benefico del Bergamotto

In questo articolo parleremo delle proprietà del bergamotto e del suo ruolo nella gestione dei livelli di Colesterolo.


i benefici del bergamotto per il colesterolo


Che cos’è il Colesterolo?

Nell’articolo “Che cos’è il Colesterolo” abbiamo spiegato che il Colesterolo è una sostanza grassa prodotta dal fegato e presente nel sangue. Sebbene il Colesterolo sia essenziale per molte funzioni corporee come la produzione di cellule e ormoni, può diventare un problema quando i suoi livelli superano la norma: un livello elevato di Colesterolo LDL (noto anche come "Colesterolo cattivo") può aumentare il rischio di malattie cardiache e cardiovascolari.


Il ruolo fondamentale dell’alimentazione per il Colesterolo

L’alimentazione svolge un ruolo fondamentale nell’indurre variazioni nei livelli di Colesterolo LDL. Un regime alimentare caratterizzato da un’elevata presenza di grassi saturi e zuccheri tende ad aumentare i livelli di Colesterolo, mentre una dieta equilibrata e salutare ne facilita la riduzione mantenendo così i livelli entro i parametri salutari, prevenendo di conseguenza malattie cardiache.

In modo specifico, alcuni alimenti si sono dimostrati efficaci nel ridurre i livelli di Colesterolo nel sangue, e tra questi spicca il bergamotto, un agrume originario della Calabria (Italia) che ha attirato l’attenzione per le sue proprietà benefiche sulla gestione del Colesterolo.


Cosa contiene il bergamotto?

Il bergamotto (Citrus bergamia) è una pianta molto diffusa in Calabria il cui agrume è caratterizzato da un profumo distintivo e un sapore agrumato1. L’estratto di bergamotto contiene un’alta concentrazione di sostanze naturali, tra cui:

  • i flavonoidi (neoeriocitrina, neoesperidina, naringina, rutina), composti chimici presenti nella buccia e nella polpa degli agrumi e contenuti dal bergamotto in quantità superiore rispetto agli altri agrumi3,4;

  • la bergamottina e la brutieridina.


Quali proprietà benefiche anti-Colesterolo ha il bergamotto?

Le sostanze contenute nel bergamotto sono state oggetto di studi i cui risultati indicano chiaramente la capacità di questo agrume di ridurre in modo significativo i livelli di lipidi (in particolar modo, trigliceridi e Colesterolo LDL) nel sangue. Questa riduzione sostanziale contribuisce a mitigare il rischio d'insorgenza di eventi cardiovascolari, sottolineando il potenziale del bergamotto nel favorire la salute del cuore1,2.

L’efficacia del bergamotto nel migliorare la salute cardiovascolare è attribuita ai flavonoidi, che sono coinvolti nella regolazione di vari enzimi metabolici3,4,5. In particolare, si ritiene che la neoeriocitrina e la rutina agiscano inibendo l’ossidazione delle LDL6, la naringina contribuisca a ridurre gli acidi grassi e a migliorare la tolleranza al glucosio7, mentre la naringenina sembra favorire il suo assorbimento nei muscoli8 e nel fegato9.


I flavonoidi manifestano, pertanto, diverse proprietà benefiche tra cui:

·        proprietà antiossidanti

·        proprietà antinfiammatorie

·        proprietà vaso-protettive


I meccanismi d’azione proposti per spiegare la capacità di questi flavonoidi nel diminuire i livelli di lipidi circolanti sono vari. Uno di questi meccanismi suggerisce che queste molecole possano attivare la protein chinasi C innescando successivamente una cascata di segnali che culminano con l'espressione del gene responsabile della codifica per i recettori delle LDL. Questa sequenza di eventi favorisce la sintesi di nuovi recettori promuovendo così il sequestro delle LDL circolanti all'interno delle cellule.

Parallelamente, anche la bergamottina è stata oggetto di approfondite ricerche per il suo coinvolgimento nella regolazione del Colesterolo. Si ritiene che agisca inibendo l'HMG-CoA reduttasi, un enzima coinvolto nella produzione di Colesterolo nel fegato. Questo meccanismo di inibizione contribuisce a ridurre la produzione di Colesterolo e, di conseguenza, a mantenere livelli più salutari nel sistema lipidico10.

Questi meccanismi offrono una visione approfondita di come le molteplici sostanze presenti nel bergamotto possano favorire la riduzione dei livelli di Colesterolo LDL ("Colesterolo cattivo") e aumentare quelli di Colesterolo HDL ("Colesterolo buono").

Il bergamotto mostra un potenziale promettente come alleato naturale per la gestione dei livelli elevati di Colesterolo e la promozione di una salute cardiaca ottimale. Integrarlo nella dieta quotidiana potrebbe rappresentare un passo verso la gestione della salute cardiovascolare in modo naturale ed efficace.


L’integrazione con bergamotto

Studi scientifici hanno dimostrato che l'assunzione di integratori a base di estratti di bergamotto può contribuire a ridurre i livelli di colesterolo LDL, comunemente noto come "colesterolo cattivo"11, 12.

I flavonoidi, come la naringina e la neoeriocitrina, aiutano a inibire l'enzima coinvolto nella produzione di colesterolo nel fegato. Inoltre, il bergamotto può aumentare i livelli di colesterolo HDL, comunemente noto come "colesterolo buono", che svolge un ruolo protettivo nei confronti delle malattie cardiache.


FONTI:

(1) Nauman MC, Johnson JJ. Clinical application of bergamot (Citrus bergamia) for reducing high cholesterol and cardiovascular disease markers. Integr Food Nutr Metab. 2019 Mar;6(2):10.15761/IFNM.1000249. doi: 10.15761/IFNM.1000249. Epub 2019 Feb 28. PMID: 31057945; PMCID: PMC6497409.

(2) Perna S, Spadaccini D, Botteri L, Girometta C, Riva A, Allegrini P, Petrangolini G, Infantino V, Rondanelli M. Efficacy of bergamot: From anti-inflammatory and anti-oxidative mechanisms to clinical applications as preventive agent for cardiovascular morbidity, skin diseases, and mood alterations. Food Sci Nutr. 2019 Jan 25;7(2):369-384. doi: 10.1002/fsn3.903. PMID: 30847114; PMCID: PMC6392855.

(3) Navarra M, Mannucci C, Delbò M, Calapai G. Citrus bergamia essential oil: from basic research to clinical application. Front Pharmacol. 2015 Mar 2;6:36. doi: 10.3389/fphar.2015.00036. PMID: 25784877; PMCID: PMC4345801.

(4) Toth PP, Patti AM, Nikolic D, Giglio RV, Castellino G, Biancucci T, Geraci F, David S, Montalto G, Rizvi A, Rizzo M. Bergamot Reduces Plasma Lipids, Atherogenic Small Dense LDL, and Subclinical Atherosclerosis in Subjects with Moderate Hypercholesterolemia: A 6 Months Prospective Study. Front Pharmacol. 2016 Jan 6;6:299. doi: 10.3389/fphar.2015.00299. PMID: 26779019; PMCID: PMC4702027.

(5) Cappello AR, Dolce V, Iacopetta D, Martello M, Fiorillo M, Curcio R, Muto L, Dhanyalayam D. Bergamot (Citrus bergamia Risso) Flavonoids and Their Potential Benefits in Human Hyperlipidemia and Atherosclerosis: an Overview. Mini Rev Med Chem. 2016;16(8):619-29. doi: 10.2174/1389557515666150709110222. PMID: 26156545.

(6) Yu J, Wang L, Walzem RL, Miller EG, Pike LM, Patil BS. Antioxidant activity of citrus limonoids, flavonoids, and coumarins. J Agric Food Chem. 2005 Mar 23;53(6):2009-14. doi: 10.1021/jf0484632. PMID: 15769128.

(7) Li JM, Che CT, Lau CB, Leung PS, Cheng CH. Inhibition of intestinal and renal Na+-glucose cotransporter by naringenin. Int J Biochem Cell Biol. 2006;38(5-6):985-95. doi: 10.1016/j.biocel.2005.10.002. Epub 2005 Oct 26. PMID: 16289850.

(8) Zygmunt K, Faubert B, MacNeil J, Tsiani E. Naringenin, a citrus flavonoid, increases muscle cell glucose uptake via AMPK. Biochem Biophys Res Commun. 2010 Jul 23;398(2):178-83. doi: 10.1016/j.bbrc.2010.06.048. Epub 2010 Jun 15. PMID: 20558145.

(9) Hwang JT, Kwon DY, Yoon SH. AMP-activated protein kinase: a potential target for the diseases prevention by natural occurring polyphenols. N Biotechnol. 2009 Oct 1;26(1-2):17-22. doi: 10.1016/j.nbt.2009.03.005. Epub 2009 Apr 2. PMID: 19818314.

(10) Ballistreri G, Amenta M, Fabroni S, Consoli V, Grosso S, Vanella L, Sorrenti V, Rapisarda P. Evaluation of lipid and cholesterol-lowering effect of bioflavonoids from bergamot extract. Nat Prod Res. 2021 Dec;35(23):5378-5383. doi: 10.1080/14786419.2020.1768085. Epub 2020 May 22. PMID: 32441543.

(11) Huang, Y., Tocmo, R., Nauman, M.C., Haughan, M.A., Johnson, J.J. (2021). Defining the Cholesterol Lowering Mechanism of Bergamot (Citrus bergamia) Extract in HepG2 and Caco-2 Cells. Nutrients, 13(9), 3156. doi: 10.3390/nu13093156.

(12) Nauman, M.C., Johnson, J.J. (2019). Clinical application of bergamot (Citrus bergamia) for reducing high cholesterol and cardiovascular disease markers. Integr Food Nutr Metab, 6(2), 10.15761/IFNM.1000249. Published online 2019 Feb 28. doi: 10.15761/IFNM.1000249. PMID: 31057945. PMCID: PMC6497409. NIHMSID: NIHMS1023195.

70 visualizzazioni0 commenti

Yorumlar


bottom of page